L’opera di Álvaro Siza online

Il grande architetto portoghese Álvaro Siza Vieira (Álvaro Joaquim de Melo Siza Vieira), nato a Matosinhos nel 1933, circa cinque anni fa, ha deciso di rendere accessibile a tutti il suo vastissimo archivio professionale di opere di architettura, costruite e progettate a partire dal 1958.

A. Siza, Casa António Carlos Siza, Santo Tirso, Portugal, 1976-78 [ Projectos de arquitectura ] / A. Siza, Gualberto Rodrigues Veiga Lagoa, da: Arquivo Álvaro Siza, Biblioteca de Arte e Arquivos Gulbenkian, Fundação Calouste Gulbenkian.

La scelta di Siza è stata quella di suddividere l’importante donazione – formata, tra l’altro, da circa 60.000 disegni, 500 modelli, 282 album e quaderni di schizzi – presso due fondazioni portoghesi, la Fundação de Serralves di Porto e la Fundação Calouste Gulbenkian di Lisbona, e il Centre Canadien d’Architecture (CCA) di Montréal. Alle due fondazioni sono stati riservati tutti i progetti riferiti al territorio di Portogallo, mentre al CCA di Montréal è stata affidata la conservazione dei progetti internazionali.
I tre enti prescelti hanno dapprima stabilito una metodologia comune per l’archiviazione del numeroso materiale ricevuto, dopodiché sono iniziate le fasi operative di censimento, catalogazione, digitalizzazione e messa online sui propri siti web, con la finalità di permettere a tutti di consultare e studiare gratuitamente il patrimonio custodito.

Sketchbook 110: Berlim Contras Cunhal – Évora Cupula, May 1982. Notebook with notes and sketches in ink. Fonds Alvaro Siza, Collection Centre Canadien d’Architecture, Montréal; Gift of Alvaro Siza ©Álvaro Siza.

L’archivio della Fundação de Serralves è composto complessivamente da 40 opere di architettura (vedi qui), che comprendono un arco temporale dal 1955 al 2007 e la cui digitalizzazione è ancora in corso.

La Fundação Calouste Gulbenkian custodisce 38 progetti realizzati da Álvaro Siza in Portogallo, di cui quattro opere sono già disponibili per la consultazione online (vedi qui), tra le quali: casa Vieira de Castro (1984-91), casa António Carlos Siza (1976-80), recupero di casa do Caseiro – casa Vieira de Castro (1984-85).

Al Centre Canadien d’Architecture (CCA) – che oltre all’archivio di Siza, possiede altre importanti collezioni di architettura moderna (Peter Eisenman, John Hejduk, Gordon Matta-Clark, Cedric Price, Aldo Rossi, James Stirling e altri) – è stata donata la parte internazionale dell’opera di Siza, formata da 52.691 disegni (di cui 37.095 copie eliografiche ), 53,5 metri lineari di documentazione testuale, 203 quaderni di schizzi, 1,40 metri lineari di materiale fotografico.
Tutto l’archivio donato da Siza è stato suddiviso in due parti: “Architectural projects” e “Sketchbooks”.

Sketchbook 45: Berlim, December 1979, Notebook with notes and sketches in ink. Fonds Alvaro Siza, Collection Centre Canadien d’Architecture, Montréal; Gift of Alvaro Siza ©Álvaro Siza.

Una bellissima iniziativa da parte di uno dei grandi protagonisti dell’architettura contemporanea e moderna (premio Pritzker nel 1992, il Leone d’oro alla carriera nel 2012, alla Biennale di Venezia), che ha voluto mettere in cantiere un’altra grande opera, questa volta disponibile a tutti.