La Torre Allianz di Milano

di Stefano Ortega

2020-03-16T16:58:46+02:001 Marzo 2020 |

A metà del mese di febbraio è stato presentato al 47° piano del grattacielo Allianz, nella cornice eccezionale dello spazio eventi, un volume editoriale interamente dedicato alle molteplici vicende che hanno accompagnato il processo progettuale e le fasi costruttive della Torre Allianz di Milano.
Il libro, pubblicato dall’editore Mondadori Electa, è stato illustrato da alcuni dei principali protagonisti del progetto architettonico ed editoriale: Marco Biagi, curatore del volume; Luca Buzzoni, associate director di Arup Italia e responsabile della progettazione strutturale della Torre Allianz; Luigi Colombo, amministratore delegato della Colombo Costruzioni, l’impresa che ha realizzato materialmente l’opera; Francesco Dal Co, professore universitario e direttore di “Casabella”; Andrea Maffei, architetto e co-progettista, insieme ad Arata Isozaki, della torre; Carlo Rossanigo, responsabile della comunicazione e dei rapporti istituzionali di Allianz SpA.

Photo: ©E-motion S.r.l.

La Torre Allianz – progettata dall’architetto giapponese Arata Isozaki, vincitore del Pritzker Prize 2019, e da Andrea Maffei, associato dello studio Isozaki – è il grattacielo più alto d’Italia per numero di piani (cinquanta) e la sua figura slanciata si è ormai convertita, insieme ad alcune altre recenti opere di architettura, in una nuova icona del sempre più movimentato skyline milanese.
Il concetto di ripetitività modulare, che contraddistingue le due facciate “lunghe” del grattacielo alto 207 metri, è un omaggio alla celebre Endless Column, un’opera d’arte di Constantin Brâncuşi, realizzata tra il 1917 e il 1937 in molteplici versioni e che, da sempre, ha affascinato il progettista giapponese.

Photo: ©Dario Palermo.

La torre, sorta all’interno dell’area milanese CityLife, ospita la sede del gruppo assicurativo Allianz Italia e rappresenta il risultato tangibile di un efficiente lavoro progettuale di squadra, svolto da diverse figure internazionali, tra cui i due architetti (Isozaki e Maffei), l’ingegnere Mutsuro Sasaki, autore del concept strutturale, e l’apporto di Arup Italia e Colombo Costruzioni, tra l’altro, per la messa a punto delle speciali facciate in vetro curvato e di importanti dettagli e soluzioni costruttive.

Hall di ingresso, photo: ©Marco Cappelletti.

La struttura editoriale del volume, che presenta un ricco apparato iconografico, formato da disegni, schizzi, fotografie e tavole progettuali, è articolata in quattro capitoli – I Fatti; Gli artefici; Le Cronache della Torre; Portfolio –, suddivisi a loro volta in più contributi, tra cui quelli di: Marco Biagi (ricostruzione storica e narrazione del progetto); Maurizio Devescovi (iniziative promosse da Allianz nel grattacielo, dal fit-out alla realizzazione degli spazi interni); Arata Isozaki; Mutsuro Sasaki (progetto strutturale); Luca Buzzoni e Francesca Petrella (impianto strutturale e soluzioni tecnologiche); Andrea Maffei (modularità leggera); Luigi Colombo (cantiere e costruzione).

©Mondadori Electa.

Un ricco ed esaustivo volume che racconta le numerose vicende (storiche, progettuali, costruttive) riferite alla realizzazione della Torre Allianz, un edificio icona di una nuova “Milano che sale”.