La “Leonardesca” al Politecnico di Milano

In occasione delle celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e a ottant’anni dalla storica esposizione “Leonardesca”, Mostra di Leonardo da Vinci e delle Invenzioni Italiane, – tenutasi al Palazzo dell’Arte di Milano nel 1939 –, presso lo Spazio Mostre Archivi Storici ASAB del Politecnico di Milano è in corso la mostra Memorie della Leonardesca. Una mostra storica.
La “Leonardesca” ebbe il compito politico di consacrare, in pieno clima di autarchia, la figura di Leonardo da Vinci, il “capostipite di una tradizione italica” di grandi inventori e scienziati. Del suo allestimento fu incaricato Giuseppe Pagano, direttore di “Casabella-Costruzioni”, soltanto pochi mesi prima della sua inaugurazione e dopo una lunghissima fase preparatoria. Alla mostra furono esposti numerosi oggetti – dipinti, disegni e codici di Leonardo, modelli in scala di “macchine” leonardesche e altro – in un allestimento molto moderno e, per molti versi, “minimal”, contraddistinto da vasti pareti bianche e strutture espositive, eleganti e sottili, arricchite da grandi panelli impaginati con una grafica vivace ed efficace.

Giuseppe Pagano, Sala dell’Architettura civile alla mostra Leonardesca, 1939.

La mostra di Bovisa testimonia e “omaggia” questo storico grande evento pubblico, che, oltre a Pagano, aveva coinvolto anche altri architetti dell’epoca, attraverso numerosi documenti, tra cui le “famose” immagini fotografiche provenienti dall’archivio della Triennale di Milano, il documentario dell’Istituto Luce del giugno 1939 e altro ancora.
La mostra, curata da Damiano Iacobone, è stata prodotta dall’ASAB Archivi Storici del Politecnico di Milano: Chiara Pesenti, Claudio Camponogara, Sabrina Contu, Laura D’Ambros, Vincenzo Ficco, Luciana Gunetti, Cristina Mandelli e Marco Vitale.