Tutto Gio Ponti

Il 19 ottobre si inaugura al MAD – Musée des Arts Décoratifs di Parigi un’esposizione retrospettiva dedicata alla lunga e ricca attività professionale di Gio Ponti (1891-1979), contraddistintosi per la progettazione e realizzazione di numerose opere di pregio nei campi dell’architettura, del design, dell’interior design e dell’editoria.

Gio Ponti e Giulia Ponti, appartamento in via Dezza, Milano, 1957. © Gio Ponti Archives.
(cliccare sull’immagine per consultare la galleria fotografica)

Intitolata Tutto Ponti. Gio Ponti Archi-Designer, la mostra francese si prefigge l’ambizioso e impegnativo obiettivo di illustrare, attraverso l’esposizione di oltre cinquecento oggetti, disegni, modelli, documenti, fotografie e la proiezione dei filmati del periodo, la vastissima, “tutta”, produzione del maestro italiano.

Servizio da tavola. Prodotto da Franco Pozzi, 1967. Marco Arosio Collection.
(cliccare sull’immagine per consultare la galleria fotografica)

La rassegna multidisciplinare è stata impostata in ordine cronologico, a partire dai primissimi lavori di Ponti di ispirazione classica, quali il design di ceramiche per la Manifattura Richard-Ginori (di cui è stato direttore artistico dal 1923 al 1930) e la casa in via Randaccio a Milano, fino alla Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto e al Denver Art Museum, Stati Uniti, le sue due ultime grandi opere di architettura. In mezzo, progettati nel corso di oltre sei decenni: molti oggetti iconici di design, come le sedie “Leggera” e “Superleggera”, ma anche porcellane, tessuti e oggetti in cristallo; realizzazioni di architettura, quali il grattacielo Pirelli di Milano, la Villa Planchart a Caracas, l’Istituto italiano di cultura a Stoccolma e altri edifici milanesi e sedi italiane di hotel prestigiosi; inoltre, fonda la rivista di architettura e di design “Domus” e dirige la rivista “Stile”.

Concattedrale Gran Madre di Dio, Taranto, 1964-70. © Luca Massari.
(cliccare sull’immagine per consultare la galleria fotografica)

Considerato come uno dei più influenti architetti e designer del XX secolo, Ponti è stato un creatore molto prolifico interessato ugualmente alla produzione industriale e artigianale, all’arredamento, alla progettazione e al design.

Sedia Superleggera per Cassina & Giordano Chiesa Office, 1957 & 1953. © Gio Ponti Archives.
(cliccare sull’immagine per consultare la galleria fotografica)

La mostra è stata curata da Salvatore Licitra, dei Gio Ponti Archives, insieme a Dominique Forest e Sophie Bouilhet-Dumas. Il progetto espositivo è stato realizzato dallo studio Wilmotte & Associés, mentre la grafica è di BETC e Italo Lupi.